Infrastruttura Ferroviaria Nazionale

Per infrastruttura ferroviaria nazionale si intende la rete ferroviaria italiana nella sua completezza, a esclusione delle linee individuate come ferrovie isolate.

Ai sensi del Decreto legislativo 14 maggio 2019, n. 57, recepimento della Direttiva (UE) 2016/797 del Parlamento europeo e del Consiglio dell’11 maggio 2016, la rete ferroviaria è composta dai seguenti elementi:

 

  • le linee appositamente costruite per l'alta velocità, attrezzate per velocità generalmente pari o superiori a 250 km/h;
  • le linee appositamente adattate per l'alta velocità, attrezzate per velocità dell'ordine di 200 km/h;
  • le linee appositamente adattate per l'alta velocità, aventi carattere specifico a causa di vincoli topografici o relativi al rilievo o all'ambiente urbano, la cui velocità deve essere adeguata caso per caso. Questa categoria comprende anche le linee di interconnessione fra le reti ad alta velocità e quelle convenzionali, gli attraversamenti delle stazioni, gli accessi ai terminal, ai depositi ecc. che sono percorsi a velocità convenzionale dal materiale rotabile ad alta velocità;
  • le linee convenzionali previste per il traffico «passeggeri»;
  • le linee convenzionali previste per il traffico misto (passeggeri e merci);
  • le linee convenzionali previste per il traffico «merci»;
  • i nodi «passeggeri»;
  • i nodi merci, compresi i terminali intermodali;
  • le linee di collegamento degli elementi sopra elencati.

L’infrastruttura ferroviaria nazionale è la rete gestita da Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. nonché quella individuata dalle linee di cui all’allegato A del Decreto 5 agosto 2016 del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, e successive modifiche.

Per svolgere servizio sull’infrastruttura ferroviaria nazionale, le imprese ferroviarie devono essere in possesso di un certificato di sicurezza.

Elenco imprese ferroviarie

Leggi di più
Elenco gestori infrastruttura

Leggi di più