Ferrovie Isolate

Ai sensi dell’art. 2 comma 4 del Decreto legislativo 14 maggio 2019, n. 50, le reti ferroviarie isolate dal punto di vista funzionale dal resto del sistema ferroviario sono quelle concesse dallo Stato e quelle per le quali sono attribuite alle regioni le funzioni e i compiti di programmazione e di amministrazione ai sensi del Decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422, adibite a servizi ferroviari locali ordinariamente espletati con distanziamento regolato da segnali.

Le reti ferroviarie isolate, individuate con il Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti prot. 347 del 02/08/2019, sono le seguenti:

  • Torino – Ceres, GTT S.p.A. (Piemonte)
  • Domodossola – confine svizzero, SSIF S.p.A. (Piemonte)
  • Brescia – Iseo – Edolo, Ferrovienord (Lombardia)
  • Genova – Casella, AMT (Liguria)
  • Roma – Lido, ATAC S.p.A. (Lazio)
  • Roma – Civitacastellana – Viterbo, ATAC S.p.A. (Lazio)
  • Ferrovia Circumvesuviana, EAV (Campania)
  • Ferrovie Cumana e Circumflegrea, EAV (Campania)
  • Intera rete FAL S.r.l. (Puglia e Basilicata)
  • Intera rete Ferrovie della Calabria S.r.l. (Calabria)
  • Catania Borgo – Riposto – tratta extraurbana, Ferrovia Circumetnea (Sicilia)
  • Intera rete ARST S.p.A. (Sardegna)

 

Inoltre, in attuazione dell’art. 3, comma 7, del Decreto legge 10 settembre 2021, n. 121:

  • Ferrovia Retica (Rhätische Bahn AG), tratta Tirano - Campocologno (Lombardia-Svizzera)