I nostri Numeri del 2021

Il Programma delle attività di Vigilanza sulle Strade e Autostrade

Il “Programma delle attività di vigilanza sulle condizioni di sicurezza delle infrastrutture stradali e autostradali” per il 2021 è stato redatto nei tempi molto brevi imposti dalla legge, concentrando l’attività ispettiva principalmente nei confronti di quei gestori ed enti proprietari pubblici e privati in possesso di un’organizzazione maggiormente strutturata.

L’Agenzia ha individuato una serie di tratte stradali e di gestori sui quali svolgere la vigilanza diretta attraverso un’attività ispettiva a campione per effettuare la verifica della manutenzione operata dai gestori, sulla base della loro organizzazione dei processi, dei risultati ottenuti in termini di adeguatezza dei loro sistemi di sorveglianza e del rispetto della normativa specifica di settore.

Quadro di insieme delle attività nel programma 2021

Le attività in numeri nel 2021:

5

Audit sui sistemi di Gestione della Sicurezza

13

Visite di campo a campione

9

Gallerie di cui al Dlgs 264/2006

2

Ponti mobili

3

Visite ispettive su segnalazione

200

Km di autostrade e strade statali

170

Opere d’arte oggetto di ispezione

 

Le attività previste per il 2022:

8

Audit sui sistemi di Gestione della Sicurezza     

29

Visite di campo a campione

15

Gallerie di cui al Dlgs 264/2006

400

Km di autostrade e strade statali

12

Concessionarie autostradali

6

Strade statali gestite da ANAS S.p.A:

3

Strade Regionali e/o provinciali

400

Opere d’arte oggetto di ispezione

 

Un programma potenziato e più capillare che presterà particolare attenzione a ponti e viadotti in conglomerato cementizio armato ordinario o presollecitato realizzati tra gli anni ’60 e ’70.

 

Le attività autorizzative effettuate nel 2021 per le Ferrovie

I certificati di sicurezza forniscono la prova che le imprese ferroviarie hanno un proprio sistema di gestione della sicurezza e sono in grado di operare in modo sicuro nell’area di esercizio prevista.

Nel corso del 2021 sono stati rilasciati 11 certificati di sicurezza unici (SSC) e n. 5 pareri all’ERA.

A dicembre 2021 le Imprese ferroviarie in possesso di un certificato di Sicurezza erano 44: 

21 per il solo trasporto merci (M),

12 solo passeggeri (P),

6 passeggeri e merci,

1 passeggeri merci e manovra,

4 per il solo servizio di manovra.

 

Le attività autorizzative dei veicoli ferroviari

Per immettere sul mercato è necessaria l’autorizzazione che può essere rilasciata dall’ERA o da ANSFISA in caso di settore di impiego soltanto sul sistema ferroviario italiano e deve essere rilasciata dall’ERA in caso di settore di impiego in più Stati membri. E’ entrata a regime anche l’attività di autorizzazione di messa in servizio dei veicoli sulle reti funzionalmente isolate.

Nel 2021 sono stati emanati 272 provvedimenti (riguardanti uno o più veicoli):

 

Il numero di veicoli immessi sul mercato in conformità ad un tipo, variante o versione autorizzati è stato invece pari a 721.

Distribuzione dei veicoli in base alla tipologia:

 

Le attività di ispettorato e controllo sulle ferrovie

Nella prima parte del 2021 le attività sono state svolte a distanza, data l’emergenza sanitaria da COVID-19 in atto ed il conseguente fermo, fatte salve le attività urgenti e non differibili; a partire dal mese di ottobre la supervisione è stata integrata con attività svolte anche sul campo.

La supervisione è stata effettuata attraverso:

  • monitoraggio ispettivo
  • ispezioni specifiche
  • audit di sistema
  • audit di processo
  • audit di prodotto
  • follow-up di audit precedenti